a winged victory for the sullen “steep hills of vicodin tears”

Un giorno particolare, una ricorrenza. Ti ritrovi solo in una sala al buio con poche altre persone, di fronte un palco con poche luci e cinque persone. Accanto un bicchiere e una fotocamera, entrambi abbandonati lì. Lentamente lo spazio è invaso da un tenue tappeto di suoni sintetici sul quale comincia a muoversi un’onda di archi che pian piano ti culla, isolandoti da tutto ciò che ti circonda. Poche note di piano disegnano vivide luci su un cielo immaginario. Improvvisamente il suono sale, inesorabile e la scena reale scompare e ti ritrovi lassù, su un’alta collina da cui osservi un mondo fatto di stupore, talmente bello da far male. Malinconico, protetto da quel meraviglioso antidolorifico chiamato Musica.

(frammento di Peppe Trotta)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...