SoWhat

various artists “eilean [20]”

Annunci

Il punto [20] sulla sempre più affascinante mappa che la eilean rec. sta lentamente configurando giunge a conclusione del suo secondo anno di attività. Si tratta di un anomalo rewind che vede chiamati in causa tutti gli artisti che hanno all’attivo una pubblicazione con la straordinaria label di Mathias Van Eecloo uscita nel corso del 2015.

Quindici tracce inedite, che nella sostanza confermano e sintetizzano le coordinate musicali di ogni musicista impegnato. Ritroviamo così l’ariosa ed evocativa ambience di Jonathan Kawchuk, di Richard Ginns e di James Murray, le modulazioni granulose di Bamboo Stilts e di Bill Seaman, le dolenti meditazioni chitarristiche di Lake Mary e quelle più esotiche di Yadayn, le luminose ed evanescenti schegge di suono di Masaya Ozaki e di James Murray, le fluide iterazioni di Lee Chapman, il romantico pianismo di Dag Rosenqvist e quello ibrido di Benjamin Finger, le minimali narrazioni che sembrano giungere da lontano di Ruhe e Ieva e le inaspettate pulsazioni ritmiche di Spheruleus. In chiusura troviamo la morbida e delicata vocalità che contraddistingue il contributo di Twigs & Yarn, unica vera e propria canzone in senso stretto.

Una sommatoria interessante che ribadisce il percorso intrapreso da questa piccola label, divenuta rapidamente un punto fermo nella proposta di affascinanti paesaggi sonori.

Annunci