giona vinti “nox\lux”

IMG_1172

Un flusso sonoro senza soluzione di continuità costituito da un tappeto di droni oscuri e a tratti dalla grana spessa e modulato da interferenze di varia origine. È questa la struttura dei due movimenti che compongono “Nox\Lux”, lavoro che risale ad un decennio addietro,  ripescato dal musicista milanese Giona Vinti dal suo archivio e adesso pubblicato come cassetta dalla svizzera Old Bicycle Records.

“Nox” si apre con meditative e ombrose trame  che gradualmente vengono interrotte dall’innesto di suoni inattesi e frammenti rumorosi che confluiscono gradualmente in un vero e proprio vortice di glitch, una tempesta cosmica che si spegne alla fine della traccia riverberando nel tratto iniziale della successiva. “Lux”  segna un ritorno momentaneo ad una dimensione più quieta, quasi immediatamente infranta da oblique e luminose linee di synth che si fondono nelle inquietanti modulazioni droniche che concludono il viaggio in modo quasi brusco.

“Nox\Lux” ha un incedere piuttosto libero nella sua struttura, assolutamente non lineare e segnato dall’alternanza di ombre profonde e luci sghembe. Un lavoro che suona per certi versi (volutamente?) incompleto, interessante e affascinante ma non di semplice ascolto, che ci sarebbe piaciuto poter accoppiare alla parte visiva per cui era stata pensata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...