christine ott “only silence remains”

GZH66_Sleeve.jpg

È senza dubbio difficile esprimere a parole la meravigliosa capacità di trasportare in un mondo altro ed in un tempo sospeso insita in un lavoro quale “Only silence remains”. La virtuosa polistrumentista e talentuosa compositrice Christine Ott, dopo una lunga assenza, torna pubblicando il suo nuovo disco che ne sancisce l’esordio per la Gizeh Records e lo fa regalandoci un album straordinario.

Spesso si associa alla musica l’inclinazione a narrare immagini in movimento, ma qui le cose risultano differenti. Le composizioni della musicista francese infatti sono di per sé talmente vivide e coinvolgenti da definirsi come sequenze vere e proprie, che nel loro fluire costruiscono un racconto emozionante e coeso, pur muovendosi attraverso coordinate cangianti. L’equilibrato connubio tra il pianoforte e l’onde Martenot  è certamente uno dei punti di forza del lavoro che si rivela sin dall’iniziale danza di “À mes étoiles” e che trova il suo apice nelle magiche atmosfere dell’onirica e voluttuosa “Sexy moon”. A volte il suono vira verso coordinate più classicheggianti declinate attraverso flussi dirompenti di pianoforte, assoluto protagonista nella sognante “No memories” e arricchito da eleganti e preziose tessiture di violoncello e vibrafono in “Szczecin”. “Raintrain”, posta al centro del disco è il brano più corale, che dopo un’introduzione dalle  atmosfere che rimandano alla provincia francese si apre verso sonorità jazz all’insegna di uno stringato dialogo tra piano e contrabbasso. La parte conclusiva di “Only silence remains” segna un passaggio verso sonorità più oscure, definite dal senso di freddo isolamento di “Danse avec  la neige” e dall’irruenza claustrofobica di “Tempête”, contrassegnata  dalle inquietanti frequenze alte e stridenti dell’onde Martenot , che conducono alla conclusiva apocalittica “Disaster” che si snoda a su un enfatico recitato di un testo scritto dalla stessa Ott, prima di chiudersi su una morbida melodia che riecheggiando le ultime parole lascia spazio alla speranza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...