saenïnvey “the path”

cover

È un viaggio avvolto nel mistero, una peregrinazione che non lascia intravedere la linea d’orizzonte. L’esordio del sound artist (costantemente in bilico tra Francia e Vietnam) Yves-Gaël Jacak sotto lo pseudonimo Saenïnvey, punto 21 sulla mappa eilean, è un flusso oscuro ed incostante come un banco di impenetrabile nebbia in cui ogni forma si riduce ad ombra.

L’atmosfera imperante del disco è costituita da dense e avvolgenti trame elettroacustiche scaturenti da una serie di strumenti auto costruiti, strutturata in sei tracce dalle sfumature cangianti. La monolitica e opprimente fluidità di “Monotonous life” e “Rite de passage”, con la loro durata abbondantemente oltre i dieci minuti, inframmezzati dal ritmico intermezzo di “Something new”, rappresentano il nucleo centrale dell’album a cui si somma la persistente e a tratti ruvida stasi dei tre capitoli conclusivi che raggiungono un picco di opprimente tensione nel finale di “The big travel”.

Inafferrabile e privo di confini, il suono di “The path” ci proietta in un mondo carico di incertezza a cui difficilmente ci si riesce a sottrarre.

Annunci

One thought on “saenïnvey “the path”

  1. Pingback: various artists “eilean [45]” – SoWhat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...