SoWhat

Una Selezione TRISTE© #4

Annunci

a cura di TRISTE© – Indie Sunset in Rome

 

Un violoncello e una grande voce sono il biglietto da visita di questa artista statunitense da poco uscita con Church, il suo debut EP. Sicuramente un nome da tenere d’occhio nel prossimo futuro.

Kelsey Lu – Empathy

 

 

Avere 17 anni comporta avere un sacco di dubbi, aspettative e cose per cui essere arrabbiati (almeno così mi hanno detto quelli che 17 anni li hanno avuti): Lindsay Jordan ci racconta tutto questo con i suoi Snail Mail in Habit, e Static Buzz è forse il pezzo più significativo di questo interessante EP.

Snail Mail – Static Buzz

 

 

Forse uno dei dischi migliori di questo 2016, il nuovo lavoro degli Whitney contiene un sacco di pezzi davvero ottimi. Tra questi vogliamo segnalarvi Golden Days, che riesce ad entrare dritta in testa e a migliorare molto il nostro umore.

Whitney – Golden Days

 

 

La chitarra e la dolce malinconia di Nick Urick: Sweet Stranger è il pezzo che ci ha fatto scoprire questo artista di Chicago e che ci ha convinto sin dal primo ascolto.

Nick Urick – Sweet Stranger

 

 

Nuovo album per Mitski Miyawaki, nuovo convincente concentrato della bravura di questa artista, capace di mescolare rabbia e dilicatezza alla sua bellissima voce. Questo è il primo singolo di Puberty 2, album uscito qualche tempo fa per Dead Ocean.

Mitski – Your Best American Girl

 

 

Il Canada ci da sempre grandi soddisfazioni: questa volta è il turno dei Gray \\ Water e del loro dream pop da Toronto. Il loro debut ep, e la sua title track, ci hanno davvero convinto, anche grazie al sapiente utilizzo dei fiati.

Grey\\Water – Love

 

 

Indie-pop per le serate estive con quel retrogusto malinconico che piace tanto a noi (ehm). Questo è quanto potrete trovare ascoltando Living Right, il nuovo album degli australiani Glaciers. Tra le altre, abbiamo selezionato No Future, che nonostante tutto riesce comunque a mantenere un certo livello di spensieratezza.

Glaciers – No Future

 

 

Tutta la delicatezza Hazel Richard nel suo nuovo album, The Garden. Un folk dalle atmosfere dreamy e dal sapore antico, come testimoniato anche da un pezzo come la “corale” Unknown Shores.

Hazel Ra – Unknown Shores

 

 

Garage-surf scanzonato e lo-fi al Brasile: ci mancava ma lo abbiamo trovato. Loro sono i Singapura e Welcome è il loro nuovo EP e a noi sembra perfetto per affrontare finalmente l’estate.

Singapura – Napkin

 

 

Chiudiamo con il ritorno del grandissimo DJ Shadow (qui in compagnia dei Run The Jewels): da sempre alla ricerca di nuovo sonorità e sperimentazioni, ha ormai qualche anno alle spalle ma non ha perso la classe che lo contraddistingue.

DJ Shadow [feat. Run The Jewels] – Nobody Speak

 

Annunci