eluvium “false readings on”

a1635937332_10

Sinfonie sospese tra persistenze vaporose  e stratificazioni dissonanti disegnano il nuovo racconto sonoro firmato Eluvium. Alla base di “False Readings On” ci sono le riflessioni di Matthew Cooper sulla sempre maggiore distanza tra ciò che è reale e ciò che sembra tale, distanza che gradualmente si amplia in funzione del distorto uso delle informazioni che navigano via etere.

A partire da queste considerazioni l’artista di Portland costruisce un personale immaginifico universo fatto di fluttuanti tessiture immateriali dall’afflato orchestrale, che a tratti accolgono ampie e liriche trame vocali capaci di amplificarne il portato al tempo stesso solenne ed elegiaco divenendo più (“Strangeworks”, “Regenerative Being” ,”Movie Night Revisited “). L’apparente stridente dualità tra la componente più armonica e quella più granulosa  riesce a vibrare in perfetto equilibrio generando intime peregrinazioni  al di là del tempo e dello spazio (“Beyond The Moon For Someone In Reverse, “Rorschach Pavan”), anche quando le modulazioni più ruvide emergono prepotenti (“Washer Logistics”). Dopo un’essenziale parentesi pianistica (“Individuation”), il viaggio si chiude lentamente attraverso la dilata deriva densa di stratificazioni in crescendo della monumentale “Posturing Through Metaphysical Collapse”.

È un ritorno ad altissimi livelli quello suggellato da “False Readings On”, un’opera meditativa e profonda che conferma ancora una volta il talento di questo straordinario artista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...