SoWhat

bruno bavota “out of the blue”

Annunci

Saper assaporare le proprie sensazioni  e tramutarle estemporaneamente in melodia è ciò che fin dagli  esordi definisce l’universo musicale di Bruno Bavota. Disco dopo disco si è gradualmente ampliata la tavolozza di suoni utilizzata dal pianista partenopeo per disegnare i suoi paesaggi interiori fatti di emozioni profonde narrate con immediatezza e apparente semplicità. Il suo personale viaggio musicale si arricchisce adesso di un nuovo tassello che ne sancisce ancora una volta la progressiva e continua maturazione artistica.

In “Out of the blue” Bavota, pur mantenendo inalterata la centralità del pianoforte che rimane assoluto e a volte solitario protagonista (“Marea”, “Beyond the clouds”), riesce a costruire un suono più strutturato e di maggiore respiro, capace di rendere i suoi bozzetti ancor più vividi e vibranti. Alle brillanti partiture del suo strumento si aggiungono misurati inserti elettronici che ne dilatano profondità e luce costruendo rapide fughe attraverso paesaggi immaginari (“Mountains”, “Passengers”, “Horizon”)  e preziose tessiture di archi che ne esaltano il lato malinconico e sognante (“Out of the blue”, “Lovers”, “Breath”).  Ad arricchire ancor di più l’esteso vocabolario utilizzato ritroviamo le tenui trame della chitarra acustica,  che accompagnano l’emozionante pulsare di “Heartbeat” (che trova un perfetto corrispettivo visivo nel video di Linda Russomanno) e la dolce e avvolgente coralità di “Warm Embrace”.

È un susseguirsi continuo di piccole emozioni questo nuovo lavoro di Bruno Bavota, una raccolta di attimi indelebili che ancora una volta raccontano la bellezza e l’importanza della vita quotidiana e dei piccoli gesti che la rendono significante.

 

Annunci