dan whiting “the line never held”

a3821006554_10

Cristallizzare i ricordi attraverso il suono, farli rivivere per poter essere condivisi. Le quattro tracce di “The Line Never Held”, nuovo lavoro di Dan Whiting pubblicato da Flaming Pines, inseguono altrettanti frammenti di memoria dando corpo attraverso il loro fluire alle sensazioni ad esse connesse. Quattro momenti diversi catturati nel corso di un anno.

Mutevoli sono i momenti riportati in superficie e mutevole è il modo di narrarli, anche se alcuni tratti delle composizioni, quali l’atmosfera onirica e il loro carattere descrittivo, rimangono comuni ad ogni capitolo. Così “Onset” si sviluppa su tessiture meditabonde costruite da vibranti riverberi di chitarra che sembrano condurre verso una fuga senza meta, mentre in “Promise Me We Can Listen To Nirvana“ su un fondale più evanescente emergono con vivida forza frequenze distorte e a tratti stridenti. “Glass Walls” che con i suoi ventidue minuti di durata occupa oltre metà del disco, è certamente il capitolo più ambizioso del lotto fatto di dense e cristalline stratificazioni persistenti  e impenetrabili che conducono verso il finale nuovamente dominato dal suono ruvido della chitarra di “A Study For Eight”.

Sono trame che si sviluppano al di fuori di schemi rigidi e per questo adatte ad essere assaporate con estrema libertà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...