embers below zero “the oblivion sea”

a2115441250_10

Solide persistenze che alternano momenti di quiete a profonde ombre che si stagliano su un mare inquieto. È un viaggio interiore in bilico tra calma meditazione e densa inquietudine quello costruito da Embers Below Zero, recente e misterioso progetto che arriva dalla Polonia, per il suo debutto su Shimmering Moods.

Le undici tracce di “The Oblivion Sea”  sono costituite da persistenti droni su cui si stagliano misurati fremiti come leggere increspature sulla superficie di un mare glaciale. Il movimento si sposta costantemente da luminose atmosfere contemplative (“The Vortex Of Light / Surface”, “Forget About Me / La Mer Profonde”), a tratti viranti verso trame ruvide (“Love Lost”) o risonanze ipnotiche (“Now”), ad oscure tessiture isolazioniste che avvolgono tutto con una patina di grigia gravità (“The Ashes Of Our Past”, “The Drowning Girl II”).

Un percorso a ritroso nella memoria alla ricerca di ciò che è andato perduto,  modulato secondo stati umorali cangianti resi suono attraverso frammenti melodici e frequenze granulose capaci di rendere  vivida la sequenza di immagini risultante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...