michael vallera “vivid flu”

[denovali]

MichaelVallera_VividFlu.jpg

Una realtà trasfigurata nel suo aspetto fisico ed enfatizzata nel suo portato sensoriale emerge come lenta deriva lisergica dalle cinque tracce che compongono il secondo lavoro firmato da Michael Vallera in veste solitaria che sancisce il suo ingresso nella scuderia Denovali.

Paesaggi che si ricompongono nella memoria come frammenti nebbiosi ed amniotici si susseguono in un flusso inquieto ed obliquo fin dalle trame dilatate e risonanti screziate da flebili ruvide frequenze in secondo piano dell’iniziale title-track. L’atmosfera sembra distendersi nell’onirica linea melodica disegnata dal piano in “Late”, ma è solo un frangente che si riversa in un finale di gravida tensione che introduce l’oscura e caotica spirale di “Pollen Blot” cadenzata da asciutti battiti e dense modulazioni statiche. In “Still Life” il suono vira nuovamente verso ambientazioni vaporose ed irregolari dal sapore enigmatico che riconducono ad una visione tremula e disturbante che diviene ipnotica ed inesorabile fissità nella conclusiva vibrante “Drug”.

Un racconto postmoderno in bilico tra il sogno e la veglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...