okada “floating away from the world”

[n5MD]

a1200967384_10.jpg

Un’onirica fuga attraverso vaporosi flussi che lasciano spaziare libera l’immaginazione. Nessun vincolo, nessun peso, solo un incedere lento e leggero. Prende le mosse dal trasferimento dall’Alabama a Seattle il nuovo lavoro di Gregory Pappas aka OKADA, traducendosi in un moto denso che ha il sapore dell’evasione dalla realtà.

Diviso in quattro lunghi movimenti, “Floating away from the world” è un viaggio avvolgente fatto di spirali ipnotiche cadenzate da battiti persistenti che ancorano tessiture costantemente tese a sciogliersi in strutture informi. Costante è l’alternanza tra un incedere più marcato (“Shredded Remains Of Hope”, “An Endless Battle Of Memories”) e momenti maggiormente dilatati (“Don’t Come Any Closer”) che conducono verso una completa dissoluzione delle trame sonore (“Finding Peace Through Nonexistance“) che appare essere la meta da raggiungere attraverso modulazioni dalle sfumature oscure riscaldate da flebili frammenti vocali che emergono in filigrana come nenie cullanti.

Una deriva amniotica nella quale smarrirsi senza perdere il contatto con la realtà che ci circonda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...