sophie hutchings “yonder”

[1631 recordings]

a1903428768_10.jpg

Sospesi leggeri ad osservare un mondo fatto di sconfinati paesaggi, ma anche di piccoli gesti, alla quieta ricerca di una bellezza fatta di semplicità e stupore. È una raccolta di lunghi piano sequenza che scorrono fluidi ed inarrestabili quella che compone il nuovo lavoro di Sophie Hutchings, che giunge a breve distanza da “Wide asleep” segnando un ritorno ad una dimensione più intima ed essenziale.

Dopo aver sperimentato un ampliamento del proprio lessico, con “Yonder” la talentuosa musicista australiana converge nuovamente verso un minimalismo espressivo che ha nel pianoforte l’unico vero centro delle sue composizioni, anche quando trova completamento in misurati innesti ambientali e flebili tessiture di archi (“North north west”, “The road”). Ciò che rimane immutata è la profonda enfasi generata dai ricchi e torrenziali fraseggi del suo pianismo capaci di fluire in vibranti progressioni (“Sway”, “Pipe dream”) e con elegante delicatezza venata da una sottile malinconia (“Caress”, “Always”).

La sensazione che accompagna  la mezz’ora abbondante del disco è quella di essere seduti accanto a Sophie intenti ad ascoltare le sue emozioni scaturire con forza attraverso le vellutate trame disegnate dalle sue dita sulla tastiera del suo strumento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...