pleq “re-composition”

[dronarivm]

cover.jpg

Un lungo viaggio attraverso eterogenei paesaggi nati da un attento lavoro di filtraggio. Sceglie la strada della rimodulazione condivisa Bartosz Dziadosz per dar vita ad un nuovo capitolo del suo pseudonimo Pleq e lo fa chiamando a raccolta un’ampia serie di artisti che negli scorsi anni hanno pubblicato i loro lavori su Dronarivm.

Il risultato di questo tragitto all’insegna della collaborazione, che parte da materiale che il musicista polacco ha prodotto nel recente passato, è una navigazione affascinante in un universo multiforme in quanto raccolta di tracce derivanti da esperienze diverse, reso ancor più caleidoscopico dall’impronta che ciascun musicista coinvolto imprime ai singoli estratti.

L’avvolgente deriva ci conduce attraverso rielaborazioni all’insegna di scorci evanescenti (Christopher Bissonnette ) e di flussi crepitanti (Autistici) o perentoriamente ipnotici (Segue), ci lascia immergere in oscurità siderali (Giulio Aldinucci) e in calde e concilianti modulazioni notturne (The Green Kingdom). Un’algida stasi in lenta espansione (Offthesky)annuncia la discesa verso sotterranee inquietudini (Olan Mill) che si riversa in pulsanti ed inattesi riverberi (Legiac). Un’onirica fuga (Aaron Martin) apre il trittico finale, che dopo una spettrale parentesi in dissoluzione (Elegi), si chiude su cinematiche sinuosità cariche di enfasi (Tomasz Mreńca).

Sfaccettato e coinvolgente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...