covarino/incorvaia “granada”

[whitelabrecs]

cover.jpg

Placidi intrecci immersi in una luce morbida e avvolgente, la languida quiete del mediterraneo che si espande sinuosa. Il sodalizio artistico tra Francesco Covarino e Alessandro Incorvaia, nato lo scorso anno dal ritrovarsi dopo anni nella loro città d’origine, giunge alla sua seconda tappa attraverso un nuovo incontro, questa volta in terra spagnola ed esattamente nella città dove attualmente risiede Covarino.

E dell’aura del luogo in cui è stato registrato in presa diretta sono colme le sei improvvisazioni che compongono il lavoro, tracce fluide costruite attraverso riverberanti fraseggi sommessi  privi di quello scambio teso e serrato che contraddistingueva il dialogo tra i due musicisti nel loro disco d’esordio, spogliato anche dei limitati contributi che vi comparivano.

Il suono scorre vaporoso e vagamente sognante, segnato dalla ricchezza ritmica di Covarino che raramente si impone in modo assoluto divenendo deflagrante (“Granada #4”) e dalle trame essenziali di Incorvaia che scivolano a tratti verso persistenti rarefazioni capaci di dischiudere declinazioni ambientali eteree (“Granada #3”) o si strutturano in dominanti linee melodiche dall’incedere malinconico (“Granada #6”).

Non rimane che chiederci in quale luogo si cristallizzerà il nuovo punto di questo progetto sempre più sfuggente ed errante.

 

Annunci

One thought on “covarino/incorvaia “granada”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...