darren mcclure and arovane “nest”

cover.jpg

Materiche spirali create sommando e manipolando particelle elementari di suono, crepitanti grovigli ottenuti attraverso un attento lavoro di stratificazione. Dopo essersi ritrovati a condividere insieme a Porya Hatami l’individuazione di un punto sulla mappa eilean, Darren McClure e Uwe Zahn aka Arovane rinnovano il loro sodalizio artistico tracciando un comune percorso esplorativo incentrato sulle possibilità della sintesi granulare.

Sono microuniversi organici densi di sfumature e dettagli quelli plasmati dai due artisti, combinazioni alchemiche di schegge selezionate e stravolte fino a divenire complesse nebulose risonanti create dalla continua intersezione dei suoni. Ogni traccia definisce un ambiente peculiare, dichiarato nell’essenzialità del titolo a cui fa da riscontro una struttura sonica intricata che si muove attraverso atmosfere cupe e inquiete (“Burrow”, “Cavity”) e scabrose rarefazioni riverberanti (“Scrape”, “Sphere”).

Ne nasce una dilatata deriva lungo paesaggi alieni, indefinibili eppure plausibili, un’immersione totalizzante in un vortice sensoriale vivido e tangibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...