SoWhat

cygni “gesto”

Annunci

[line]

Decostruire per ricercare nuove forme dalla geometria irregolare e cangiante eppure stabile. È un microcosmo di suoni convulsi, strutturato assecondando i nodi di una maglia distorta, quello scolpito da Fabio Perletta e Pierluigi Scarpantonio attraverso una serie di sessioni di improvvisazione e pubblicato  sotto la sigla Cygni.

Circolari sequenze e materici frammenti originati da una vasta serie di fonti differenti si combinano in organici flussi dall’incedere accidentato. La congruenza che nutre l’intrigata successione di elementari particelle si avvale di assonanze/dissonanze sfuggenti modellanti una spazialità surreale che, ricordando gli oggetti impossibili di escheriana memoria, definiscono labirinti ritmici che non conducono ad alcuna meta prefissata.

È un ambiente sonico da attraversare privandosi di forme certe, alla ricerca un’esperienza immaginativa libera capace di estendere una visione altrimenti spesso ingabbiata all’interno di margini fin troppo definiti.

Annunci