deison | devis “bees”

[luce sia]

a0071097538_10.jpg

Un ribollente magma che fluisce lungo i bordi di aree residuali immerse in una spettrale notte senza fine. A vent’anni da un album che li vedeva separati protagonisti, Cristiano Deison e Devis Granziera  si ritrovano infine a dirigere un lavoro a quattro mani nel quale far confluire unitamente i rispettivi estri da sperimentatori sonori.

Elaborate combinazioni di sinuose fluttuazioni sotterranee e ruvidi frammenti rumorosi stratificandosi originano complesse narrazioni che si muovono lungo oblique traiettorie dai toni algidamente oscuri, interpolate da criptiche tracce vocali (“Tape 01”, “Equinox machine”) e a tratti cadenzate da battiti marziali che strutturano spettrali litanie (“Blurred Moon”). È un universo metallico privo di luce e calore che scorre ossessivo tra particelle distorte e persistenze vischiose.

Ne scaturisce uno scenario visionario dalla densità variabile ma dall’intensità persistente, un crepitante incubo postmoderno su scabrosi fondali urbani in disgregazione.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...