dalot & sound awakener “little things”

[fluid audio]

PNG.png

Preziosi dettagli catturati tra le pieghe dei luoghi abitualmente attraversati. È un lavoro di mappatura emozionale quello condotto in collaborazione da Maria Papadomanolaki aka Dalot e Nhung Nguyen qui presente come Sound Awakener, un’indagine atta a scovare scampoli di inattesa bellezza lì dove l’abitudine non ci porterebbe a cercarla.

Frutto di uno scambio di materiale tra le due artiste prolungatosi per un anno e mezzo, “Little things” disegna un etereo tracciato fatto di nebbiose stratificazioni in cui confluiscono le riprese ambientali  catturate sui luoghi combinate a sinuose e dense modulazioni che ne amplificano la portata trasformando il dato oggettivo in sensazione interiore. Attraverso questo processo di traslitterazione il duo plasma un intimo diario che narra di improvviso straniamento (“Strangers in the city”, “A good day to be alone”), di calde sospensioni liriche (“All that fall”, “Every day happiness”), ma anche di misteriosi attimi velati da un latente senso di cupezza (“This road goes”, “Sailing”, “Coldness”).

Chiudere temporaneamente gli occhi e perdersi per trovare uno sguardo rinnovato sulla propria quotidianità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...