james a. mcdermid “tonal glints”

[krysalisound]

Cover.jpg

Un turbine di emozioni pesanti come piombo tradotti in catartiche sculture sonore. È il dolore profondo per una prematura assenza che spinge  James A. McDermid a strutturare in opera concreta il suo approccio alla musica trasformandolo in gesto necessario per riuscire a superare la perdita della sorella. Un’urgenza espressiva che origina un trittico di lavori di cui “Tonal Glints” rappresenta il secondo capitolo.

Algide saturazioni, cupe frequenze e frammentarie armonie acustiche occasionalmente permeate da flebili tracce vocali si combinano a definire un placido flusso denso di inquietudine che esternando la complessità e l’irregolarità delle sensazioni dell’artista inglese plasma un tracciato cangiante che fluttua  tra il sinistro riecheggiare di stille cristalline di “The vagabond” e l’umbratile vena ambientale della conclusiva “Faraway too close”. Seguendone l’evoluzione si attraversano grevi persistenze dal tono vagamente solenne (“All the shutters are closed”, “Within reach“), parziali aperture generate da essenziali strutture melodiche (“I’ll take one who loves me”, “Eastern bloc”) e brevi sprazzi di oscurità impenetrabile (“Bunny”, “Last year”).

Un percorso intimo ed intenso nel quale immergersi con estrema delicatezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...