riverkeeper “desire paths of the sun & moon”

[rottenman editions]

Riverkeeper.artcover.jpg

Soffuse fluttuazioni  in disgregazione che giungono da inafferrabili distanze. È un viaggio sonico fatto di flebili tracce faticosamente trattenute quello modulato da Adrian Dziewanski nel nuovo capitolo del suo progetto Riverkeeper, una lenta deriva verso meditative profondità mesmerizzanti.

Utilizzando frammenti ambientali catturati da strumenti analogici distanti dagli elevati standard qualitativi della contemporanea tecnologia, il musicista canadese disegna un sinuoso tracciato permeato da sottile e inestinguibile interferenze, una sorta di polverosa grana dal cui ossessivo reiterarsi emergono inattesi squarci di fragile incanto definiti da minute tessiture armoniche dall’incedere circolare dense di malinconica grazia che culminano nelle cullanti tessiture pianistiche che dominano il movimento conclusivo di questa evanescente  esplorazione emozionale.

Verso il futuro sognando il passato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...