daimon “dust”

[st.an.da.]

27332396_1796905310382627_3985015077233629776_n.jpg

 

Una vibrante cortina che aleggia sinuosa mutando forma sotto l’influsso di un soffio invisibile. Sono spessi ed impenetrabili flussi che scorrono implacabili come lava incandescente a costruire il secondo atto condiviso che riunisce Simon Balestrazzi, Nicola Quiriconi e Paolo Monti sotto la firma Daimon, una nuova tappa che partendo dalle ottime premesse del debutto si orienta verso un ampliamento delle atmosfere esplorate e una modulazione dei singoli tracciati ancor più complessa e accurata.

Dense nebbie sintetiche dilagano incorporando  graffianti  trame chitarristiche inclini alla distorsione e granulose frequenze in moto perenne plasmando dilatate stratificazioni avvolgenti, a tratti scandite da profonde pulsazioni o permeate da echi ambientali che riverberano come frammenti di un passato recente che riaffiora. È una polvere che si muove fluida, sospesa nell’aria senza mai trovare definitivo appoggio, un velo ruvido occasionalmente sospinto verso convulsi vortici ascensionali che nel finale si tramuta in spessa coltre di impenetrabile inquietudine.

Un’immersione totalizzante in una roboante scia di visioni in disgregazione.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...