andrea belfi “partiture_2018”

[live performance – Zō Centro Culture Contemporanee| catania]

26172772_1417373691722898_3832688201440580246_o.png

Un vulcano alle pendici del vulcano. Esiste un’assonanza vividamente materica tra le traiettorie narrative di Andrea Belfi  e ‘a Muntagna  che domina Catania, una nervosa irrequietezza sempre pronta a deflagrare anche quando tutto appare calmo e silente. Una simbiosi inattesa che si è prepotentemente palesata all’interno dello Zō davanti ad una platea religiosamente assorta e concentrata.

È immersa in una penombra flebilmente risonante la sala quando Belfi giunge ad occupare il suo centro di comando per dare inizio in modo deciso e perentorio al suo tracciato percussivo che ripropone in presa diretta l’intricato percorso in cinque atti di “Ore”, suo ultimo lavoro pubblicato lo scorso anno per la londinese Float. Da lì ha origine un magmatico flusso costantemente in equilibrio tra la ruvida concretezza di pulsazioni dal sapore ancestrale e venature siderali conferite dal trasversale permeare di scie sintetiche, che costantemente si muove tra rocciosi crescendo e atmosferiche stasi. È un procedere mutevole con i piedi pesantemente sprofondati  nel suolo e gli occhi costantemente rivolti in alto ad osservare l’insondabile mistero di costellazioni irraggiungibili.

Giunti in fondo a questa ribollente scia, l’ipnotica apnea si scioglie restituendo i presenti ad una realtà improvvisamente immobile. Un’ultima improvvisata coda riconduce tutti per un breve lasso nell’avvolgente universo pulsante che infine si scioglie lasciando tutti in balia di un assordante silenzio.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...