ian hawgood “光”

[eilean]

cover.jpg

Esistono luoghi che non sono semplici geografie, territori fisici con cui si entra in simbiosi al punto da percepirne lo spirito ovunque la vita ci conduca. Ian Hawgood ha trovato questo ideale connubio nei paesaggi del lontano oriente e ne conserva i profondi riverberi anche adesso che la sua quotidianità si svolge a Varsavia, al punto da continuare ad irradiarne i riflessi attraverso la sua musica.

È un rimando evidente fin dalla scelta del titolo (ideogramma traducibile come luce, bagliore) il cui significato trova traduzione sonora attraverso fragili tessiture melodiche fatte di essenziali risonanze pianistiche che danzano lievi su evanescenti fondali di vaporose saturazioni. Le note dello strumento si librano delicate espandendosi come frammenti di morbida luce proiettati verso un orizzonte distante nel quale diluirsi divenendo indelebile traccia emozionale. Tutto scorre nostalgicamente lento lasciando propagarsi un portato sensoriale incline ad una inesauribile ricerca dello stupore.

Una toccante raccolta di intime istantanee pervase da sincero calore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...