aaron martin “adam”

cover.jpg

Una vita all’apice che improvvisamente muta direzione, uno sguardo proiettato verso un futuro lontano costretto a confrontarsi con una contingenza difficile. Quella di Adam è una storia difficile, il racconto di un percorso vitale bruscamente scosso. Ma non è l’immagine di una resa. È con la caparbietà della giovinezza che il surfista sudafricano continua a scivolare sulle onde dell’oceano affrontando l’inatteso.

A raccontarne la storia è William Armstrong con un breve cortometraggio il cui potente portato narrativo trova perfetta eco nelle tessiture composte da Aaron Martin a commento delle immagini in movimento. Un confronto non nuovo per l’artista americano, che nell’arco dei neanche cinque minuti del video riesce a regalarci attraverso le sue trame acustiche una marea emozionale travolgente. Un flusso diviso in quattro fugaci movimenti a cui si aggiungono due ulteriori frammenti che non trovano spazio nel film.

Un condensato di sensazioni disarmanti.

“Everybody Reads a Wave Their Own Way”


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...