dead piano “dead piano”

[st.an.da]

DeadPiano_web

Decostruire per trovare una dimensione differente che faccia emergere tratti inesplorati di ciò che è più che consolidato. Non un pianoforte che muore, piuttosto uno strumento che attraverso un processo di marcata manipolazione trova nuova linfa proiettandosi verso orizzonti inattesi. È un’intenzione precisa a muovere Andrea Bellucci e Cristiano Deison lungo i solchi di questa loro collaborazione, un’idea chiara che ispira una ricerca volta ad affrancare un suono che rischia di divenire sterile ripetizione.

Affidandosi alle pressoché infinite possibilità derivanti dall’applicazione della tecnologia quale mezzo di trasfigurazione e ricomposizione delle armonie acustiche e implementando il risultato con l’ausilio di ulteriori flussi sintetici che ne saturino il fluire sinuoso, i due artisti plasmano un’affascinante esplorazione in sei atti imperniata appunto sull’utilizzo del piano quale generatore di risonanze profondamente atmosferiche. Mantenendone solo in parte il portato melodico e amplificandone il tratto evocativo grazie all’innesto prezioso di flebili modulazioni elettroniche, ciò che viene originato è una vaporosa sequenza di minuti paesaggi emozionali ricchi di dettagli e sfumature.

Un notturno evanescente, intriso di sfuggente malinconia, che avvolge e conduce tra le pieghe di un immaginifico universo in cui nulla è ciò che sembra.

Un pensiero su “dead piano “dead piano”

  1. […] Confezionato nell’arco di un biennio, “The Soundtrack Of Your Secrets” vede infatti contribuire il musicista ligure in qualità di pianista, alle prese con partiture eseguite su strumenti acustici e preparati successivamente ricampionate per essere affidate all’estro di Uggeri. Field recordings, trame ritmiche e samples vocali/strumentali, richiesti ad una schiera di fedeli colleghi tra cui Alberto Carozzi degli Sparkle In Grey, completano la materia di partenza sfociando in un insieme elettroacustico distante dall’ambient vaporosa prodotta insieme a Sergio Calzoni sotto la sigla Iluiteq e dall’idm oscura di marca Red Sector A, ma anche dalle decostruzioni di Dead Piano. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...