zero23 “songs from the eternal dump”

[kaczynski editions]

zero23_portada-01

Scorie risonanti che si addensano originando un fremente microcosmo in cui ogni frammento trova una sua esatta ed inattesa collocazione. È una discarica che attraverso l’ausilio di un’ottica differente si trasforma  in fonte primaria da cui attingere nuova linfa quella da cui estrapola il suono zero23, poliedrico progetto che vede insieme Giuseppe Fantini, Niet F-n e Macarena Montesinos.

Ricercando costantemente un equilibrio tra le parti che dia il giusto peso ad ogni componente in ballo, il trio costruisce otto ribollenti tracciati elettroacustici determinati dall’accostamento  di nervosi fraseggi chitarristici ed oblique elegie di violoncello ad irregolari e spesso ruvide frequenze sintetiche e flebili echi ambientali. Da tale combinazione sgorgano pacati flussi in ammaliante espansione assecondata da efficaci tempi di riverbero che ne lasciano risaltare ogni singolo dettaglio, minuti vortici ricchi di percettibili sfumature che disegnano un universo seducentemente straniante.

Con inattesa consequenzialità si passa così da contemplative derive vagamente cosmiche (“empty little space”), a pulsanti danze rumoristiche (“false step”), da acidi blues minimali (“dead rats blues”) a convulse spirali di flebili distorsioni (“macchinari avariati”), sfaccettate  visioni proiettate verso un immaginario al tempo stesso vivido e sfuggente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...