Massimo Discepoli “The right place on the wrong map”

[DOF label]

cover

Paesaggi sonori ibridi che si sviluppano seguendo coordinate cangianti definite dal diverso equilibrio raggiunto dalle componenti che lo informano. A quattro anni da “Parallax”, periodo in cui è stato attivo attraverso la pubblicazione di diversi progetti  collaborativi, Massimo Discepoli torna a sviscerare in solitudine il suo percorso di ricerca che vede accostarsi e intrecciarsi trame percussive, tessiture acustiche e sonorità sintetiche.

Muovendosi con sicurezza in un territorio indefinito ed in graduale mutamento, il poliedrico musicista italiano plasma uno straniante universo risonante fatto di oniriche nebbie elettroniche che fluttuano sospinte da articolati tracciati ritmici trovando espansione attraverso il contributo di ammalianti linee melodiche. Lungo le sette traiettorie che compongono il lavoro le diverse parti in gioco si alternano in primo piano originando un’alternanza di frangenti altamente ribollenti, che vedono la batteria protagonista, di scorci contemplativi pervasi da morbide reiterazioni armoniche e fughe inquiete dall’aura vagamente cosmica.

Costante rimane il senso di bilanciamento dal quale emerge uno straniante incedere attraverso oblique atmosfere in cui si fondono istanze caleidoscopiche. Un’immaginifica deriva sensoriale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...