Chelidon Frame “NowHere Nowhere NoWhere”

[Sounds Against Humanity]

Uno spazio da conquistare gradualmente assorbendo ed introiettando ogni sua minima risonanza. È un processo di mappatura emozionale ad informare il nuovo lavoro firmato da Alessio Premoli sotto l’usuale alias Chelidon Frame, un’esplorazione sensoriale che contemporaneamente racconta una dimensione fisica e un universo sensoriale da essa stimolato.

Echi e riverberi ambientali, pazientemente catturati nel corso di un dilatato lasso di tempo, diventano materia prima da utilizzare sotto forma di componente finita o di elemento plasmabile a cui aggiungere tessiture soniche che vedono incrociarsi frequenze elettriche, modulazioni sintetiche ed occasionali linee pulsanti generando ibride strutture narrative che evolvono come libere linee di pensiero. Ognuno dei nove capitoli che compongono la sequenza appare scaturire da un singolo attimo, da un input che evolve divenendo trama evocativa, ciascuna orientata verso un tono peculiare che sommandosi agli altri racconta la percezione spaziale da differenti punti di osservazione. Da questo approccio scaturisce un flusso univoco dalle sfumature sfaccettate che attraversa frangenti placidamente meditabondi e attimi di sospensione gravidi di tensione fino ad inoltrarsi verso plumbee profondità in cui si muovono inquieti frammenti.

Restituzione viscerale di un paesaggio destinato a divenire casa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...