Ed Carlsen “Morning Hour”

[Moderna Records]

Mal di vivere che di trasforma in energia vitale, musica che emerge e straborda divenendo imprescindibile cura. Segna un marcato cambio di rotta ed umore il nuovo lavoro di Ed Carlsen, sempre più distante dalla confortevole sicurezza di un lessico consolidato costruito attorno alla voce del piano e proiettato verso orizzonti sempre più ibridi e sfaccettati.

Pur rimanendo sempre punto d’origine delle composizioni, lo strumento d’elezione del musicista sardo non si erge più qui ad unico protagonista, combinandosi con e sfumando tra vorticose modulazioni elettroniche, trame chitarristiche e linee percussive mai così evidenti. Tutto ciò conduce il suono a divenire caleidoscopica eco di un sentire convulso da cui tutto si diparte, inquieto flusso che si muove tra frequenze incalzanti (“Whisper”, “Words”) e distese intimiste (“Entangled”, Hands, Heart”) che lasciano riaffiorare la dimensione più malinconica che tanta parte ha avuto nei due precedenti album.

Importante tappa di un processo creativo/emozionale in costante evoluzione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...