Andrea Laudante “Banat banat ban jai”

[Krysalisound]

Mettersi in ascolto ed interagire coi suoni dell’ambiente  per costruire un universo risonante in cui interno ed esterno si fondono cancellando la soglia che li divide. Sottende un approccio interessante il lavoro di debutto di Andrea Laudante, un affascinante impulso a coniugare il gesto compositivo al riverbero casuale del mondo circostante.

È un costante ibridare essenziali partiture armoniche con materici echi ambientali a guidare lo sviluppo di questo silente viaggio sonico, un intreccio tra fragile, frammentata narrazione melodica e tattile onomatopea che gradualmente disegna un territorio onirico eppure vividamente percepibile, rappresentato utilizzando pochi tratti sapientemente dosati.

Incorniciate tra elegiache derive pervase da luminosa malinconia (“Southern Light”, “Somewhere above this shining orange sky”), lentamente scorrono reiterazioni che si nutrono del valore della pausa (“Beetween Us”), assonanze illustri (“In a scapeland”) e concreti intermezzi ruvidi (“Shinrin yoku”) che restituiscono una meditabonda complessità che rimarca il valore positivo del vuoto quale elemento capace di esaltare e dare interezza al pieno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...