Fabio Anile “Piano Sketches”

La nuda voce del piano distillata per divenire essenziale fonte da cui estrarre vivida materia attraverso cui riconnettersi  alle proprie radici artistiche. Confinato nel proprio ambiente domestico durante il recente, imposto isolamento, Fabio Anile sceglie di recuperare la cristallina emozionalità scaturente dalle note del suo strumento d’elezione per tradurre in musica le sensazioni di questo inatteso tempo a disposizione.

Il risultato è una brevissima fuga in una confortevole oasi di luminoso suono scandita dal repentino succedersi di quattro calde istantanee prive di artifici e manipolazioni. Differenti umori dipinti utilizzando un lessico volutamente scarno si irradiano dai tre frammenti inediti, lasciando emergere un iniziale senso di vibrante sospensione (“Piano Sketch #1”) a cui segue uno sguardo pervaso da romantica nostalgia (“Piano Sketch #2) e che culmina in un’incalzante danza armonica (“Piano Sketch #3”).

A chiusura di questo rapido torrente risonante si colloca una rivisitata versione di una traccia recuperata dal passato (“Ultimo”), qui spogliata dalle originarie ibridazioni sintetiche per aderire alla chiara intenzione di ritrovare una dimensione classica da cui tutto ha avuto principio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...