Jacob David “Mursejler”

[Moderna Records]

L’incanto di melodie senza tempo che lievi si espandono saturando l’ambiente di morbida, sinuosa malinconia. Dopo ben cinque anni, lasso di tempo lunghissimo considerando i ritmi dell’attuale produzione musicale, torna ad emergere dall’ombra l’elegante tocco di Jacob David, regalando un prezioso seguito ad “Omkuld”, emozionante raccolta di brevi frammenti pianistici che ne segnava l’esordio discografico.

Con immutata delicatezza e sempre affidandosi al suono del vecchio strumento, il compositore  danese confeziona una nuova traiettoria emozionale di prorompente immediatezza, cullante flusso di fragili trame melodiche in lieve ed aereo divenire. Alle sussurrate placide stille dello strumento d’elezione, ancora una volta caratterizzate dall’inclusione delle risonanze ambientali e dall’interposizione di feltro e lana tra le corde e i martelli, si sommano flebili frequenze elettroniche percepibili come diafana eco emergente in filigrana, capace di espandere in modo cauto e appena percepibile un lessico cristallino ed essenziale di gusto neoclassico.

Luminose danze di note, che cadono gentili come gocce di una pioggia primaverile, e trame armoniche, nostalgiche come una brezza autunnale, si alternano lungo l’abbondante mezz’ora del lavoro generando un intimistica fuga verso un orizzonte sognante  a cui affidare il pensiero liberandolo dagli affanni del vivere quotidiano. Non rimane che abbandonarsi al disarmante fascino della semplicità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...