Tiziano Milani   “Shelter For Soul”

[Setola Di Maiale]

Everybody wants, rich or poor, not only a warm dry room, but a shelter for the soul
Samuel Mockbee

Una precisa dichiarazione d’intenti, una frase che contiene lo spirito del lavoro di tutta una vita. Queste parole dello scomparso architetto americano, forti ed emblematiche, rappresentano l’unica indicazione fornita da Tiziano Milani per addentrarsi nel suo nuovo quadripartito itinerario ambientale ancora una volta pubblicato dalla pregevole Setola Di Maiale.

La materia con cui erige la sua versione del rifugio per l’anima è ovviamente il suono. Muri e solai sono formalizzati da frequenze sintetiche vaporose e field recordings profondamente tattili. Le risonanze acustiche di strumenti e oggetti trovati, un variegato cumulo di stridori e battiti a cui si aggiungono modulazioni vocali enigmatiche prendono il posto delle componenti inusuali peculiari del fare di Mockbee.

Attraverso questi elementi, abilmente composti in sequenze plasmate con massima cura, Milani struttura quattro spazi in cui natura e artificio, tepore placido e fredda tensione si compenetrano danno origine a fluttuazioni sinuose profondamente evocative. L’avvio è greve, sancito da movenze inquiete che introducono in un arcano elettroacustico vivido e sfaccettato. Le ambientazioni si fanno man mano più accoglienti, definite da atmosfere cangianti per densità e tono e culminano in un approdo piacevolmente dissonante. Il prodotto finito è un organismo sonoro immaginifico fatto di superfici nitide rese maggiormente scintillanti dalla penetrante oscurità che le avvolge e da cui si rivelano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...