Talpah & Ciro Vitiello   “Lost in the Colloid”

[Opal]

Un vortice roboante di frammentarie trame pulsanti e schegge sintetiche taglienti. Sarebbe stato lecito attenderselo dalla fusione dei marchi Talaph e Ciro Vitiello alla luce dei rispettivi lavori solisti. Ed in effetti “Moon Shines & Flame Clouds”, traccia d’apertura di “Lost in the Colloid” potrebbe suggerire che la direzione scelta sia esattamente questa. Ma è sufficiente affacciarsi sulle frequenze diluite di “I Gave Up My Body” per rendersi conto che le cose non stanno esattamente così.

Dalla sinergia dei due musicisti campani prende infatti forma  un itinerario elettronico decisamente più atmosferico, fatto di modulazioni fluide e vapori acidi dai quali a tratti emergono inquietanti field recordings. “Eternal Smile” e “Miracle” sono i passaggi in cui quest’attitudine maggiormente si cristallizza definendo algidi paesaggi drone-ambient profondamente ipnotici. La voce, sempre pesantemente filtrata  quando presente, rimanda al rapporto incrinato tra uomo e macchina – centrale nell’ottimo “Now We’re Just Pieces Of Steel, A Data Whisper” firmato da Giuseppe Federico Pastore – spingendosi verso derive post-umane asfissianti.

Quel che prende forma è un labirinto distopico costruito con cura, una prigione aurale da cui osservare il mondo dopo la fine del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...