Nimh   “Iron and Ice”

[st.an.da]

Archiviato il primo capitolo a firma LHAM – progetto condiviso con Bruno De Angelis – Giuseppe Verticchio torna a produrre un nuovo lavoro solista sotto lo storico pseudonimo Nimh. Le coordinate di questo nuovo tassello sono ancora indirizzate verso un equilibrato incastro di elettronica dalle tinte fosche e tessiture etniche dai chiari sentori orientali, combinazione che sfocia in itinerari evocativi dalla marcata vocazione cinematografica.

La parte iniziale del lavoro è innestata sulla preminenza dei richiami alla tradizione segnando in “Following the Circle” parziali assonanze con le trame world/jazz più atmosferiche di Rabih Abou-Khalil, mentre l’accattivante “Mojo’s Prophecy” rimanda alla ritualità etno-esoterica  dei Dead Can Dance. Tutto si compenetra in modo indissolubile con la componente sintetica presente come substrato dark-ambient, percorso da scie vocali e risonanze ambientali, portatore di oscuro mistero. Tale elemento sale gradualmente in cattedra divenendo il perno attorno a cui si strutturano le tracce successive – soprattutto  in “Tharon Trail” e “Grey Zone” – che lasciano spazio anche alla riconoscibilità della chitarra elettrica aggiungendo ulteriore stratificazione. L’apice di questo intreccio si raggiunge nella conclusiva title-track in cui il paesaggio diventa estremamente diluito e sfaccettato muovendosi da inquietudini elettroacustiche a derive solenni prima di scivolare in un silente altrove. Prepotentemente immaginifico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...