Taylor Dupree   “Harbor”

[laaps]

Esiste una malinconia inestinguibile che si irradia dalle partiture essenziali di Taylor Dupree che negli anni è divenuto un vero e proprio marchio di fabbrica della sua attività musicale solista quanto di molta parte delle uscite discografiche curate dalla sua pregiata 12k. Atmosferici loop di chitarra, modulazioni sintetiche luminose, glitch e risonanze ambientali sono gli elementi fondanti di un lessico orientato alla formulazione di astrazioni meditabonde dall’incedere morbido.

“Harbor” – quattordicesimo album a sua firma esclusiva – propone gli stessi ingredienti volti alla definizione di otto nuovi paesaggi sospesi in un territorio in cui frequenze diluite fino a divenire scia onirica si amalgamano con esattezza ad un coacervo di riverberi dalla consistenza profondamente tattile.  L’intersezione derivante – da cui emergono echi di ambient enoiana e screziature glitch – produce scie ovattate ricche di minuti dettagli  che passano dalla delicatezza armonica da carillon della title-track fino alle ruvide correnti di “Desaturation”.

Ciò che rimane intatta è la quieta grazia con cui l’universo sonoro del musicista newyorkese si rivela, invariante che lega insieme le tappe di una carriera corposa slegata da ogni vincolo temporale.

Un pensiero su “Taylor Dupree   “Harbor”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...