Una Selezione TRISTE© #17

a cura di TRISTE© – Indie Sunset in Rome

10648232_447183495436057_8508890659538617632_o

Da Febbraio, recuperiamo il bel disco di Montero (non il difensore uruguaiano) tra pop e psichedelia. Sempre con un deciso tocco malinconico, come nella splendida Running Race.

Montero – Running Race

 

Patrick Jeffords ha avuto molte collaborazioni interessanti (tra cui spicca quella con Toro Y Moi). Qui, a nome Kid Trails ci fa conoscere il suo lato solista e un po’ lo-fi

Kid Trails – Calm Down

 

Rimanendo in tema lo-fi, ci spostiamo sul nuovo album degli Hovvdi. Da Austin proseguono, anche in questo secondo lavoro, con il loro bedroom pop dalle forti influenze 90’s.

Hovvdy – Petal

 

Haley Heynderickx è una nostra vecchia conoscenza. Di lei vi avevamo infatti parlato tempo fa ed avevamo anche avuto il piacere di vederla dal vivo a Roma. Una voce importante per un cantautrice capace di scrivere ottime liriche ed ottima musica. Ora è uscita con il suo debut, I Need To Start A Garden, dove tra le “cupezze” a cui ci aveva abituato spicca anche la più solare Oom Sha La La

Haley Heynderickx – Oom Sha La La

 

Indie-pop ai massimi livelli. Questa è la garanzia data dall’incontro tra Joe Moore e Maddie Dobie: I The Yearning escono con il nuovo mini album Take Me All Over The World

The Yearning – How Do You Make Somebody Fall In Love?

 

Ancora una “vecchia” scoperta di TRISTE©. Effettivamente Ruby Mckinnon ha soli 19 anni, ma di lei vi avevamo già parlato quando, solamente 15enne, avava colpito le nostre orecchie con due suoi ottimi EP. Ora arriva al secondo album, Baby Teeth, come sempre mescolando perfettamente lo “spleen” giovanile con una disarmante maturità.

Flower Face – Honey and Milk

 

Il collega di Justin Vernon torna con un nuovo album solista fatto di un folk delicato e melodico capace di riscaldare l’ascoltatore.

S. Carey – More I See

 

I Why Bonnie arrivano da Austin e mettono insieme bedroom pop e attitude shoegaze. Made Of Paper, brano che apre il loro ultimo EP saprà portare una ventata di freschezza già dal primo ascolto.

Why Bonnie – Made Of Paper

 

Il pop-rock dai colori retrò di Anna Burch

Anna Burch – Tea-Soaked Letter

 

Chiudiamo con la nuova traccia del maestro Jon Hopkins, che a Maggio farà uscire un nuovo album.

Jon Hopkins – Emerald Rush

Annunci

The Place Beyond the Pines #18

a cura di sonofmarketing

13128996_10209474915455448_2112345325_o

The Third Eye Foundation. A 8 anni dall’uscita di “The Dark”, Matt Elliott ha annunciato il ritorno del progetto The Third Eye Foundation. “Wake The Dead” è il nuovo album che uscirà per Ici D’Ailleurs. Vi proponiamo la title-track.

 

 

 

Sons Of Kemet. Ritorna il collettivo jazz britannico Sons of Kemet. “Your Queen is a Reptile” è il nuovo album e “My Queen is a harriet Tubman” è il primo singolo estratto.

 


Alapastel.
Alapastel è il progetto del compositore slovacco Lukas Bulko. “Hidden For the Eyes” è l’album di debutto che uscirà per Slowcraft Records. “Bride of The Mountains” è il primo singolo estratto che mette in evidenza l’intreccio fra trame elettroniche dilatate, riferimenti neoclassici e ventate vocali evocative.

 

 

Phase Fatale & Silent Servant. I due producer americani Phase Fatale e Silent Servant hanno annunciato l’uscita di un EP collaborativo. “Plastic Motion” è il primo estratto che fa  subito strutture elettroniche con riferimenti alla techno più scura e con tratti destrutturati.

 

 

Oklo. OKLO è un sestetto di Manchester che debutterà il 3 Aprile con l’EP “International Waters”. Vi proponiamo il brano “Acedia” che sottolinea un approccio trasversale e sperimentale al concetto di pop alternativo.

 

 

Le Millipede. Le Millipede è il progetto solista del musicista tedesco Mathias Gotz (Alien Ensemble). “The Sun has No Money” è il nuovo album che uscirà per Alien Transistor. “A Somewhat Stuffy Non-Fiction Writer” è il primo brano estratto.

 

 

 

 

Liza Anne. La cantautrice di Nashville Elizabeth Anne Odachowski aka Liza Anne ha annunciato il suo ritorno con un nuovo album intitolato “Fine But Dying”. Il primo brano “I’m Tired You’re Lonely” porta alla luce i colori malinconici della sua musica.

 

 

Jason Sharp. E’ tornato il compositore e sassofonista canadese Jason Sharp. “Stand Abbove The Streams” è uscito pochi giorni fa su Constellation Records. Vi proponiamo l’inquieto brano di chiusura.

 

 


Little Tornados.
Little Tornados è il progetto del cantautore David Thayer con la collaborazione di musicisti e artisti straordinari come Laetitia Sadier (Stereolab), Emmanuel Mario (Holden, Astrobal), John Herndon (Tortoise), Caroline Sallee (Caroline Says) e altri. “I Disappear” è il primo brano estratto dal nuovo album.

 

 


Rime Trails.
Rime Trails è un progetto ambient danese. A un anno dall’uscita di “Solstice”, Shimmering Moods pubblicherà il nuovo lavoro “Sacred Graves”. “Sanctum II” è la prima anticipazione.

 

 

Zinovia Aravnitidi. La compositrice e musicista greca pubblicherà il suo prossimo album su KITCHEN label. “Ivory” uscirà ufficialmente il 9 Marzo. “Fluttering” è il primo singolo che mostra la grazia e il tono malinconico della trama pianistica.

 

 

Terminal Sound System. Un altro grande ritorno è quello del musicista e compositore australiano Skye Klein, meglio conosciuto come Terminal Sound System. “The Endless Sea” è il nuovo album che uscirà per DenovalI Records. La title-track è il primo singolo estratto.

 

 

PJ Harvey & Harry Scott. Il musicista e compositore britannico Harry Scott ha composto la  colonna sonora del film “Dark River”. Il brano “An Acre of Land” vede il contributo prestigioso di PJ Harvey. Ecco il video ufficiale.

 

 

 

Imaginary landscapes for strings and fingertips

a cura di music won’t save you

music_is_love_quad

 

Mark Fosson – Once Was A Time

Toby Hay – The Fly Fisherman And The Trout

Dylan Golden Aycock – Red Oak Black

James Elkington & Nathan Salsburg – Stern And Earnest

Paolo Laboule Novellino – Pasha

Yadayn – Hoor

Kristín Þóra Haralsdóttir – Current

Western Skies Motel – Migratory Birds

Itasca – Hummingbird Migration

Seabuckthorn – Near Tranlucent

Lake Mary – Chipa : North Dakota

Max Ananyev – Nostalgia

Una Selezione TRISTE© #16

a cura di TRISTE© – Indie Sunset in Rome

10648232_447183495436057_8508890659538617632_o

Dream Wife – Somebody

Un debut album carico di enerigia per il terzetto inglese. Le ragazze ci sanno fare.

 

 

Twin Oaks – Rumors

Nuovo ep per una vecchia conoscenza TRISTE©: il duo americano dei Twin Oaks ci riporta dentro le proprie atmosfere “gloomy” e raffinate.

 

 

Shame – One Rizla

Inizio dell’anno col botto per gli Shame. Una nuova ondata di freschezza dalla terra d’albione, seppure con tanti rimandi ai primi anni 2000

 

 

Ghost Music – Strange Love

Matt Randall e Lee Hall tornano insieme. E lo fanno (come sempre) con tutta la raffinatezza che li contraddistingue.

 

 

Da Black Jezus – Emptiness Is You

Dalla Sicilia (?!?!) recuperiamo un disco dello scorso anno. Il duo italiano impressiona per bravura e per capacità di mescolare le carte con rifermenti e sonorità che sin intrecciano e mescolano continuamente.

 

Corniglia – But It Wasn’t That Long Ago

Non siamo in Liguria (purtroppo) ma a Perth. E questo duo il cui nome si ispira proprio al paesino delle cinque terre è uscito ad inizio 2018 con un debut molto interessante.

 

 

Sin Fang, Soley & Orvar Smarasson – The Sun Will Go Out

Un trio islandese di grande classe per un album dalle atmosfere splendide e gliaciali.

 

 

Meursault – New Boy

Neil Pennycook ha deciso di tornare al moniker di Meursault. Lo ha fatto già lo scorso anno e ha proseguito all’inizio del 2018 con un nuovo album davvero bello. E questa New Boy è una gemma imperdibile.

 

 

Crater – Void, Pt. I

Da Seattle, scopriamo i Crater con un loro nuovo album fatto di pop elettronico e un po’ 80’s.

 

 

Mackenzie Leighton – And The Rest

Americana di base a Parigi, Mackenzie Leighton è una interessante scoperta con il suo bedroom folk e la suo ottima voce.

 

 

The Place Beyond the Pines #17

a cura di sonofmarketing

13128996_10209474915455448_2112345325_o

 

 

Distortion – Mount Eerie. E’ passato appena un anno dal’uscita dal capolavoro “A Crow Looked at Me” e Mount Eerie ha annunciato l’uscita di un nuovo album intitolato “Now Only”. “Distortion” è il primo singolo estratto.

 

 

 

Scale of Blindness – Benjamin Finger. Il prolifico e versatile compositore norvegese Benjamin Finger ritorna con un nuovo album. “Scale of Blindness” uscirà ufficialmente a febbraio per Eilean Records. E’ disponibile l’ascolto di alcuni estratti.

 

 

 

The Deconstruction – EELS. Dopo 4 anni di assenza, tornano gli EELS con un nuovo album. “The Deconstruction” uscirà il 6 Aprile via E Works/PIAS. La title-track è il primo singolo estratto.

 

 

 

Afternat – Nanook of The North. Nanook of the North è un duo polacco composto dal musicista e producer Piotr Kalinski and multi-instrumentalist Stefan Wesolowski. L’omonimo album di debutto uscirà a febbraio per Denovali Records. “Afternat” è il primo (cupo e ipnotico) singolo estratto.

 

 

 

 

Come Along – Cosmo Sheldrake. Torna a farsi sentire una delle rivelazioni più interessanti del 2015. Il cantautore e musicista londinese Cosmo Sheldrake ha annunciato l’album di debutto che uscirà via Transgressive Records. “Come Along” è il primo singolo estratto.

 

 

 

Loss – Waelder. Un altro gradito ritorno è quello del duo austro-tedesco Waelder, A due anni dal debutto, sono tornati con l’album”Non Places” che esce questa settimana per Denovali Records. Vi proponiamo “Loss”.

 

 

 

Kites – Submotion Orchestra. Il collettivo di Leeds Submotion Orchestra ritorna con un nuovo album intitolato “Kites”. La title-track mette in evidenza la sensuale e sublime vocalità e la raffinata costruzione delle due trame compositive.

 

 

 

Euclid – Rongorongo. Rongorongo è una band britannica che ha realizzato due ep. Ha condiviso un nuovo brano che potrebbe essere parte del primo full-length. “Euclid” mette in mostra la ruvidità del loro suono che si scontra con le linee evocative sel suono.

 

 

 

Strangers In The City – Sound Awakener and Dalot. “Little Things” è il risultato della collaborazione fra la sound artist vietnamita Sound Awakener e l’artista greca Dalot. L’album uscirà via Fluid Audio. Ascolta il flusso teso di “Strangers In The City”, il primo singolo estratto.

 

 

 

Cobre – Dengue Dengue Dengue. Ritorna il duo peruviano Dengue Dengue Dengue. “Son De Los Diablos” esce questa settimana per Enchufada. Ritmi tropicali, mood oscuro e beats persistenti e calibrati nel primo singolo “Cobre”.

 

 

 

 

First Time Underwater – Aaron Martin. Nuovo disco solista per il compositore statunitense Aaron Martin. “A Room Now Empty” esce il 29 gennnaio per Preserved Sound. “First Time Underwater” è il primo singolo estratto.

 

 

 

Pray For Hail – Mute Forest. A tre anni dall’ottimo debutto, Kael Smith aka Mute Forest torna a farsi sentire con un nuovo brano. “Pray For Hail” porta alla luce la sua capacità di armonizzare, minimizzare e insinuare la trama elettroacustica, anche attraverso indefiniti spazi vocali.

 

 

 

Proof of Desire – Tango With Lions. Concludiamo con il ritorno dei Tango With Lions che non hanno bisogno di presentazioni. “The Light” è il nuovo album e questa è “Proof of Desire”.

 

 

 

 

Songs of ’17 (part 2)

a cura di music won’t save you

music_is_love_quad

 

The Luxembourg Signals – Laura Palmer

The Clientele – Lunar Days

Colorama – Gall Pethau Gymryd Sbel

Memory Drawings – The Nearest Exit (Astronauts remix)

Oddfellow’s Casino – Sealand

Budapest – Outnumbered

Florist – Understanding Light

This Is The Kit – Show Me So

Dana Gavanski – How Much Is Enough?

Lean Year – Watch Me

Chantal Acda – Our Memories

Colleen – Summer Night (Bat Song)

Adrian Crowley – The Wish

Kirill Nikolai – I’ve Always Been A Coward

Una Selezione TRISTE© #15

a cura di TRISTE© – Indie Sunset in Rome

10648232_447183495436057_8508890659538617632_o

 

Lean Year – Sonja Henie

Apriamo con lo splendido debutto dei Lean Year. Rick Alverson accompagna la splendida voce di Emilie Rex in un disco di rara bellezza. Godetevi  “Sonja Henie”

 

 

Yaeji – feeling change

La dj e producer Yaeji è bravissima a mescolare melodia e sonorità elettroniche. Qui la ascoltiamo in un pezzo più “rarefatto” e davvero bellissimo: feeling change

 

 

Elle Mary & The Bad Man – Behave

Lei arriva dal Galles ma vive a Manchester. Constant Unfailing Night è il suo debut insieme ai The Bad Man e in questo primo disco ha già mostrato di avere un grande talento.

 

 

Nick Ellis – A Girl Called Desired

Tutta la profondità di Nick Ellis, uscito con un nuovo ottimo album, Adult Fiction. Qui lo ascoltiamo con a A Girl Called Desired.

 

 

Protomartyr – Don’t Go To Anacita

I Protomartyr di Joe Casey tornano con un altro lavoro che conferma il valore della band. New wave (o postpunk che dir si voglia) di pregevole fattura.

 

 

Florist – Understanding Light

Forse uno dei dischi più belli di questo 2017. I Florist e il loro bedroom pop vi accompagneranno

delicatamente sulle note della bellissima Understanding Light, estratta dal loro If Blue Could be Happiness

 

 

Moses Sumney – Quarrel

Lo avevamo “scoperto” anni fa con sonorità più folk. Qualche produttore ci ha visto lungo e ci ha messo le mani sopra portando Moses Sumney ad un debut che mescola tanto blues e soul a sonorità più sperimentali. Un disco impeccabile che esalta le doti di questo bravissimo artista.

 

 

TOMARA – For No Reason

Il Portogallo ci da sempre tante soddisfazioni. Lo fa anche questa volta con il debut di Filipe C. Monteiro (aka TOMARA), da cui ci ascoltiamo la ballad folk-pop For No Reason.

 

 

Surma – Voyager

Rimaniamo in Portogallo con un altro debutto, quello di Debora Umbelino, in arte Surma, che con Antwerpen ci porta nel suo mondo di suoni che si rincorrono ed intrecciano in un viaggio infinito. Voyager è un ottimo modo per fare conoscenza con questa promettente artista.

 

 

Bjork – blissing me

Chiudiamo con Bjork. Perché ci sembrava giusto così