K. Henry Dunham “Sol Evocations”

[13/Silentes]

Un alchemico rituale per invocare la consolante luce del sole e sfuggire alle tenebre incombenti. Momentaneamente affrancatosi dal collettivo Our Lady Of The Flowers, debutta in veste solista K. Henry Dunham e lo fa proseguendo lungo il tracciato sonico intriso di misticismo quantico che è cifra stilistica dell’ensemble di cui è parte.

Estratto da una estesa improvvisazione dal vivo pensata come sonorizzazione di una installazione d’arte e di un film festival a Port Huron nel Michigan, il tracciato in cinque movimenti di “Sol Evocations” costruisce un unitario flusso di campioni di varia natura, modulazioni sintetiche e risonanze ambientali intersecate a dare origine ad inquieto magma in lento ed implacabile fluire. Riversandosi le une nelle altre senza alcuna soluzione di continuità, le dilatate tracce rappresentano la tappe di un immaginifico viaggio pervaso da solenne mistero il cui sapore ancestrale viene rivelato dal costante ricorso a frequenze vocali inafferrabili che diventano ulteriore componente di puro astratto suono.

Tra evanescenti distese interpolate da polverosa grana, stille armoniche che emergono in filigrana e frammenti di materica consistenza ci si ritrova a navigare in un evocativo oceano alla ricerca di un rinfrancante approdo.   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...