Vittorio Guindani “Jisei”

[901 Editions]

Sussurrati pensieri che infrangono il vuoto per divenire flebile traccia pronta a tramutarsi in fragile memoria. Dischiude un immaginario intensamente meditativo e mai pienamente afferrabile la traiettoria narrativa cesellata da Vittorio Guindani per divenire nuova solitaria opera da affidare a 901 Editions, raccolta di crepitanti frammenti dalla consistenza profondamente materica che cauti si rivelano emergendo dal silenzio.

Ruvide stille estratte da varie fonti, accennati battiti e placide risonanze ambientali si muovono come presenza vitale che incide una polverosa patina creando evanescenti forme che rapidamente si dissolvono per rimanere mera traccia sensoriale. È un avanzare lento in un tempo sospeso in cui ogni singolo gesto assume valenza assoluta, mutuando il carattere di ogni singola parola delle poesie dell’addio richiamate dal titolo del lavoro. Quelle scolpite dall’artista bresciano sono astrazioni sonore enigmatiche che spingono ad un approccio istintivo ed emozionale, istanza che si ritrova identica nei dipinti di Marina Marcolin che accompagnano la pubblicazione quale simbiotica componente visiva.

Un universo sonoro essenziale che privilegia la pausa ed invita ad un ascolto attento e consapevole, unico presupposto per poter cogliere una ricchezza solo apparentemente dissimulata, distante dal caotico frastuono che abitualmente informa uno spento vivere contemporaneo.
Un prezioso elogio al pensiero lento e ponderato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...