Una Selezione TRISTE© #22

a cura di TRISTE© – Indie Sunset in Rome

10648232_447183495436057_8508890659538617632_o

 

Why Bonnie – Stereo

Nuovo EP per i Why Bonnie, una scoperta TRISTE© di qualche tempo fa. I ragazzi di Austin confermano quanto di buono ci avevano fatto ascoltare con nuove 5 gemme di ottimo bedroom pop.

 

 

epic45 – Outside

Dopo molti anni, un attesissimo ritorno. Gli epic45 non perdono smalto e il loro Through Broken Summer è un altro disco da ascoltare con attenzione.

 

 

noname – Blaxploitation

Per gli amanti del groove e del nu-soul. Noname non le manda a dire.

 

 

Phosphorescent – C’est la vie

Matthew Houck, aka Phosporescent, è tornato dopo 5 anni. Tante cose sono successe in questi anni, e anche il mood di Matthew è, forse, cambiato. Ma la sua musica continua come sempre a toccarci il cuore.

“I stood out in the rain
Like the rain might come
And wash my eyes clean
I don’t stand out in the rain
To have my eyes washed clean no more”

 

 

The Goon Sax – We can’t win

Una gemma di questo 2018. I The Goon Sax usciti a Settembre con We’re not talking. Vincere è difficile, ma con questa colonna sonora la disfatta è più dolce.

 

 

Advance Base – True Love Death Dream

Un altro degli artisti del cuore per noi di TRISTE©: Owen Ashworth e il suo progetto Advance Base (già Casiotone For The Painfully Alone) ci porta nuovamente un album pieno di nostalgia e malinconia. Un album pieno di sentimenti e di cuori spezzati. Un album bellissimo.

 

 

Lindsay Clark – Little Dove

L’ottima voce di Lindsay Clark potrà cullarvi in molti ascolti. Recuperate Cristalline e non ve ne pentirete.

 

 

Mutual Benefit – Come to pass

I Mutual Benefit di Jordan Lee sono una di quelle band di cui fidarsi a busta chiusa. Ed infatti anche in questo nuovo album ci consegnano melodie senza tempo (questa volta virate con maggiore decisione verso il folk) che riusciranno a farci dimenticare dei tempi bui in cui viviamo.

 

 

Cat Power – Stay

Chan Marshall è tornata. Chan Marshall forse ora è più serena. O quantomeno più matura. La sua classe rimane immutata e forse addirittura più rifinita.

 

 

Eli Keszler – Lotus Awings

Chiudiamo la nostra selezione col bravissimo polistrumentista Eli Keszler. Tra jazz, elettronica e  sperimentazione. Un disco per palati raffinati.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...